New
BONOMI Ivanoe (Mantova 1873 - Roma 1952) View larger

152-5507

BONOMI Ivanoe (Mantova 1873 - Roma 1952)

New product

1 Item

Warning: Last items in stock!

180,00 €

Uomo politico e giornalista, tra i fondatori del Partito socialista riformista (1912), ricoprì numerosi incarichi di governo, ma con l'avvento del fascismo si ritirò dalla vita politica. Vi tornò dopo la liberazione di Roma, divenendo una delle figure chiave della prima età repubblicana. Dopo il 25 luglio 1943 fu a capo del Comitato nazionale delle correnti antifasciste e, dopo l'8 settembre, del Comitato centrale di liberazione nazionale e fu designato all'unanimità, dopo la liberazione della capitale, come capo del governo (9 giugno 1944). Dimessosi il 26 novembre successivo, costituì un nuovo gabinetto (12 dicembre 1944-12 giugno 1945). Membro della Consulta nazionale, fu deputato alla Costituente (nella lista dell'Unione Democratica Nazionale), presidente della commissione dei trattati, senatore di diritto nella prima legislatura repubblicana e (dal 1948 alla morte) presidente del Senato. Lettera autografa firmata, datata 20 marzo 1946, diretta all'editore Aldo Garzanti. Nella prima parte della missiva scrive relativamente alla ristampa di una sua opera. "Le mando le bozze del libro. Occorrerà che le riveda una seconda volta, già impaginate. Va certo riordinato il discorso in fine del volume. Ci deve essere uno stacco e le parole introduttive vanno, in diverso carattere, messe in testa al discorso. Scriverò anche un paio di paginette di prefazione alla ristampa...". In seguito chiede di informarlo se il nuovo volume su Giuseppe Mazzini potrà essere pubblicato entro la data dello storico referendum costituzionale del 2 giugno 1946. E per il Mazzini? Crede di poterlo pubblicare in maggio, alla vigilia del referendum? Sarà un contributo alla scelta repubblicana...". 2 pp. in-8, carta int. 'Camera dei deputati' (con timbro sovrastante alla preced. intestazione 'Camera dei fasci e delle corporazioni' e relativo stemma cassato). Il pensiero politico di Bonomi nel 1944-45 si può direttamente conoscere attraverso vari discorsi (raccolti nel volume dei suoi Discorsi politici, cit., pp. 564-606) e scritti, fra i quali ultimi sono da segnalare le prefazioni alle nuove edizioni de Le vie nuove del socialismo (1a ed. 1907) e di Leonida Bissolati e il movimento socialista in Italia, (1a ed. 1929). Per quanto riguarda il riferimento al testo su Mazzini, la ricerca delle origini ideali della democrazia italiana portò Bonomi allo studio del pensiero politico dell'apostolo del Risorgimento e in particolare alle vicende della Repubblica romana; ne risultò oltre a saggi ed articoli minori editi in anni diversi, il volume su Mazzini triumviro della Repubblica romana (Torino, 1936).

30 other products in the same category: