145-197

MAGGI Andrea (Torino 1850 - Milano 1910)

New product

1 Item

Warning: Last items in stock!

100,00 €

Due lettere autografe firmate, datate al 1879, del rinomato attore, passato alla storia come uno dei massimi interpreti italiani dell’Ottocento dirette ad alcuni amici. "Io era così sicuro di vederti alla stagione qui a Padova almeno per qualche ora che non pensai a stringerti la mano la sera in teatro...". Maggi oltre a recitare si impegnò anche a tagliare, selezionare, modificare il testo originale, come nell'Amleto rappresentato dalla compagnia di Cesare Rossi nel 1878una riscrittura che, seguendo i moduli ottocenteschi, ancor più che i modelli salviniani, semplificò la complessità dell'opera shakespeariana per mettere in risalto la compattezza della trama e l'unità psicologica del protagonista, riducendo la tematica storico-politica per convertire la vicenda in un dramma familiare idoneo alle preferenze del grande pubblico ottocentesco.[6] L'Amleto di Maggi risultò innovativo anche da un punto di vista linguistico, perché nel suo adattamento, Maggi modificò la versificazione tragica ancora legata al registro aulico alfieriano, ormai alieno al gusto di un pubblico appartenente soprattutto ai ceti medi.5 pp. in-8.

1 other products in the same category: